venerdì 5 luglio 2013

Ho imparato a non ascoltare gli altri, perché sennò finisco di far del male solo a me stessa....

Un'altra ragazza mi ha raccontato la sua storia.
Ciao,mi chiamo Diana ho 14 anni ed è la prima volta che racconto la mia storia in modo dettagliato...
İ miei problemi sono iniziati il primo anno delle scuole medie,inizialmente andava tutto bene,avevo fatto amicizia con quasi tutti i compagni di classe e avevo stretto un buon rapporto di amicizia con cinque ragazze,le quali divennero le mie migliori amiche....Tutto ad un tratto però,la situazione si capovolse e alcuni ragazzi iniziarono a prendermi in giro per il mio aspetto fisico e iniziarono a darmi dei nomignoli....
Le prime volte non ci feci caso,ma dopo iniziarono a diventare un peso,tra messaggi su what's app e su facebook, non sapevo più che fare e allora decisi di non mangiare più...
Arrivai a pesare 40 kg (da 60 kg) in soli due mesi...
Arrivai a scuola,ma dopo mi dissero "quanto sei magra!!",insomma qualsiasi cosa facevo non andava mai bene...ero un disastro...
İn seconda e terza media andò peggio,mi misi con un ragazzo che per tutto il tempo che siamo stati insieme non face altro che prendermi in giro alle spalle e dire cose brutte su di me...Quando venni a saperlo,iniziai ad odiarlo con tutto il cuore e,a quel punto anche le mie migliori amiche mi voltarono le spalle...
Arrivò il momento in cui iniziai ad odiare me stessa e il mio aspetto fisico,a tal punto che una notte,andai in bagno,presi una lametta e iniziai a tagliarmi...vedevo il sangue colare dalle mie braccia e,in un primo momento divenne un sollievo,ma poi divenne un'abitudine...ogni volta che mi prendevano in giro o cose del genere lo facevo,perché per me era come un sollievo...

Andavo a scuola sempre con magliette lunghe anche se sentivo caldo,ma non sapevo come nascondere i miei tagli...una delle mie migliori amiche venne a saperlo e lo disse a tutta la classe e alcuni ragazzi mi prendevano in giro facendo finta di tagliarsi anche loro...Non sapevo più che fare,pensai al suicidio,ma non riuscì a farcela,era troppo per me...Poi iniziarono i problemi a casa,specialmente con mia madre,ma quelli sono riuscita a risolverli anche se con molta fatica...
Al termine delle scuola,iniziai a non tagliarmi più,ma ancora oggi ho quelle cicatrici e,ogni volta che le vedo ripenso a quei momenti e molte volte mi vien da piangere,ma so che ho fatto un grande errore.
Ho imparato a non dare più importanza a quello che mi dicono gli altri,perché se gli do importanza finisco per far del male solo a me stessa...


Come sempre, se avete commenti intelligenti, postateli pure. Se avete cose stupide da dire, non dite niente.

3 commenti:

  1. Io non capisco... come fa la gente a essere così cattiva????

    RispondiElimina
  2. Anch'io non capisco ma so che ci sono persone cattive e persone buone

    RispondiElimina
  3. Può sembrare stano ma mi stai aiutando moltissimo, anche io non ho avuti tanti amici con l'unica differenza che sta cosa c'è dalla prima elementare

    RispondiElimina

Vorrei sapere le vostre opinioni sopra i contenuti dei post. Che ne pensate, se vi è mai capitato ciò che gli articoli descrivono, se siete adolescenti che situazione vivete o vedete intorno a voi. Vorrei sapere com'è o com'è stata la vostra adolescenza.